Aggiornato: 19 luglio 2024
Nome: Vashchenko Rimma Mikhailovna
Data di nascita: 17 agosto 1930
Stato attuale: Addebiti ritirati
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
È morta mentre era sotto inchiesta

Biografia

Rimma Michajlovna Vaščenko era la donna russa più anziana, perseguitata dalle autorità solo a causa della sua fede in Geova Dio. Nel 2019 è stata indagata e inserita nella lista ufficiale di Rosfinmonitoring come "estremista". Purtroppo, la pacifica credente non è vissuta abbastanza per vedere la riabilitazione: è morta nel gennaio 2021 all'età di 90 anni.

Rimma è nata nel 1930 nel villaggio di Trushnikovo (Kazakistan). Il padre lavorava come contabile, la madre come cuoca. Hanno cresciuto tre figli insieme, ma il padre è morto presto. L'infanzia di Rimma risale agli anni della guerra. La famiglia viveva molto poveramente, e quando il figlio maggiore andò nell'esercito, divenne ancora più difficile.

Dopo la guerra, Rimma entrò nella Facoltà di Fisica e Matematica dell'Istituto Pedagogico di Semipalatinsk. Nel corso della sua vita lavorativa ha sempre lavorato come insegnante di Fisica e Matematica, ricevendo numerosi riconoscimenti. Rimma si è sposata e ha cresciuto due figli.

Ritiratasi nel 1985, Rimma Michajlovna è venuta a vivere a Nevinnomyssk, dove in estate c'è molto verde e fa molto caldo. Vivendo lì, cominciò a pensare a come capire meglio la Bibbia. Studiando questo antico libro, trovò il Dio amorevole, giusto e misericordioso che aveva cercato per così tanto tempo. Rimma Michajlovna ha detto più volte di non essersene mai pentita.

Il procedimento penale è diventato un calvario per l'anziana donna. Rimma Michajlovna ha condiviso amaramente i suoi sentimenti: "In qualche modo non capisco appieno cosa mi sta succedendo. Riuscite a immaginare che alla mia età sono un estremista? Ho un diploma di insegnante di fisica e matematica, ma non capisco chi sono gli estremisti? Poco prima che la credente fosse interrogata, i medici le diagnosticarono una malattia cerebrale progressiva.

Casi di successo

Nel novembre 2018 hanno avuto luogo perquisizioni di massa a Nevinnomyssk. Un anno dopo, il Comitato investigativo ha aperto procedimenti penali in base a due articoli “estremisti” contro Anatoly Boyko, Yevgenia Akhrameeva, Georgy e Tatyana Parfentyev, Nadezhda Konkova, Sergey Kuznetsov, Karina Sahakyan e Rimma Vashchenko (Rimma è morta sotto inchiesta all’età di 90 anni). Nel maggio 2022, l’investigatore ha interrotto il procedimento penale contro tutti tranne Sergey Kuznetsov, che è ipovedente, ha problemi di udito e ha difficoltà a muoversi. Nell’agosto 2022, il caso è andato in tribunale. Dopo 5 mesi, il caso è stato trasferito a un altro giudice. L’accusa si basava sulla testimonianza di un testimone segreto. Nell’aprile 2023, il tribunale ha condannato il credente a 6 anni di reclusione con sospensione condizionale. Nell’estate dello stesso anno, l’appello confermò il verdetto. Poco dopo, Georgy Parfentiev morì all’età di 76 anni.