Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Rysikov Leonid Nikitievich
Data di nascita: 2 gennaio 1950
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 6 anni 9 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il 15 febbraio 2019, una delle più massicce e disumane operazioni contro i credenti ha avuto luogo a Surgut e in diverse altre città del circondario autonomo di Khanty-Mansi. Sette persone sono state torturate, tre sono state inviate in un centro di detenzione preventiva (due di loro hanno trascorso 56 giorni dietro le sbarre) e il numero totale di imputati in procedimenti penali ha superato i 20. Uno di loro è Leonid Rysikov. Cosa sappiamo di lui?

Leonid è nato nel 1950 nel villaggio di Sredniye Mangareki (Territorio di Krasnoyarsk). È cresciuto in una famiglia numerosa. Ha tre fratelli e quattro sorelle, e un fratello è morto quando era bambino. Sua madre era una lattaia, suo padre era un coltivatore di grano e un fabbro. Da bambino era appassionato di atletica.

Leonid si è diplomato alla scuola professionale di Krasnoyarsk con una laurea in elettricista. Lavorava come elettricista e meccanico. A causa della difficile situazione economica, fu costretto a trasferirsi a lavorare a Surgut con la sorella. È in pensione dal 2005. Gli piace pescare, passeggiare nei boschi e giocare a scacchi.

Leonid incontrò la sua futura moglie Evgenia durante un viaggio d'affari in un giacimento di petrolio e gas. Si sono sposati nel 1982. Evgenia è una persona molto allegra, ama le canzoni e i balli. La coppia ha cresciuto due figli, ha già delle nipoti.

All'inizio degli anni '90 Evgenia conobbe gli insegnamenti biblici, decisa ad agire e a vivere in armonia con ciò che aveva imparato. Qualche anno dopo, Leonid la raggiunse. Entrambi erano convinti della veracità e della coerenza della Bibbia, oltre che delle assicurazioni di Dio di un futuro meraviglioso.

I parenti hanno un atteggiamento negativo nei confronti del procedimento penale contro Leonid. Quasi ogni giorno chiamano, sostengono la sua famiglia e sperano davvero che le autorità tornino in sé e pongano fine alla persecuzione per la loro fede.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.