Aggiornato: 22 aprile 2024
Nome: Chermnykh Anton Yevgeniyevich
Data di nascita: 31 maggio 1987
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni e con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Un altro residente di Ussuriysk è stato accusato di estremismo su base religiosa. Dopo l'incontro nel caffè dove si è parlato della Bibbia, Anton Chermnykh sarà sul banco degli imputati. Cosa sappiamo di lui?

Anton è nato nel 1987 a Magdeburgo, in Germania, dove i suoi genitori hanno prestato servizio militare con un contratto. Anton ha un fratello gemello, Maxim. Più tardi, la famiglia si trasferì in una guarnigione militare a Krasny Kut (Primorsky Krai), e poi a Ussuriysk. Il padre ha lasciato la famiglia, non si tiene in contatto con i figli adulti.

Quando Anton e Maksim erano ancora piccoli, la madre cominciò a leggere la Bibbia e instillò nei figli l'interesse per essa. Ad Anton piaceva che la Bibbia rispondesse in modo chiaro e chiaro a domande che molte persone trovano filosofiche, come ad esempio qual è il significato della vita e perché c'è così tanta sofferenza.

Dopo la scuola, Anton si è laureato in Informatica Applicata in Economia. Ha lavorato come ingegnere informatico nel settore dell'edilizia abitativa e dei servizi pubblici, poi come operaio nell'odontoiatria cittadina. Sono sempre stato appassionato di computer. Altri interessi: la pesca e l'escursionismo, che ora non può uscire a causa del suo riconoscimento di non lasciare.

Nel 2011, Anton ha chiesto all'ufficio di registrazione e arruolamento militare di fornire un servizio civile alternativo (ACS). L'ha superata in un reparto speciale di una clinica psichiatrica, dove giacciono pazienti che hanno commesso reati particolarmente gravi e sono dichiarati pazzi. Paradossalmente, ora una persona pacifica, la cui coscienza non gli ha permesso di imbracciare le armi, sarà processata per estremismo.

Nel 2013, Anton ha sposato Ekaterina. È una casalinga, ama disegnare, cucire, pattinare. La coppia ha una figlia, Milana.

Il procedimento penale ha cambiato l'intera vita della giovane famiglia. Anton teme che la sua famiglia possa perdere il marito e il padre. "Ora sto crescendo una figlia di 5 anni", dice. "E in caso di verdetto di colpevolezza e di scontata una pena, vedrò mia figlia quando avrà 15 anni. Sono cresciuto senza un padre, so quanto sia difficile. Ho promesso a me stessa che non avrei mai più ripetuto gli errori di mio padre e che non avrei mai lasciato mio figlio. E poi c'è un procedimento penale... Anche i parenti di Anton sono molto preoccupati per quanto sta accadendo e non capiscono perché sia perseguitato.

Casi di successo

Nel giugno 2019 nella città di Ussuriysk sono state condotte perquisizioni nelle case dei pacifici cittadini Sergey Korolchuk e Dmitriy Tishchenko. Le perquisizioni sono state condotte a causa di un procedimento penale ai sensi dell’articolo 282.2(1) del codice penale della Federazione Russa avviato da E. Marvanyuk, l’investigatore del Comitato investigativo della Federazione Russa per il territorio di Primorsky. Il terzo imputato era Anton Chermnykh, padre di un bambino piccolo. Il caso si basava sulla testimonianza dell’ufficiale dell’FSB K. Rusakov, che per circa un anno seguì i credenti e ascoltò le conversazioni telefoniche di Tishchenko. Secondo l’opinione degli inquirenti, incontrando amici in un caffè per discutere della Bibbia, gli uomini hanno commesso “un crimine contro le fondamenta dell’ordine costituzionale e la sicurezza dello Stato”. I fedeli sono stati agli arresti domiciliari per quasi tre anni. Nel settembre 2020, il giudice Dmitry Babushkin ha iniziato a esaminare il caso presso il tribunale distrettuale di Ussuriysky. La difesa ha sottolineato che il testimone chiave ha fornito una falsa testimonianza e l’esperto Oleshkevich ha tratto una conclusione parziale e incompetente. Il 30 novembre 2022, il giudice ha dichiarato i credenti colpevoli e ha inflitto loro sei anni di reclusione con sospensione della pena, e nel maggio 2023 la corte d’appello ha confermato questa decisione.