Aggiornato: 23 febbraio 2024
Nome: Barmakin Dmitriy Viktorovich
Data di nascita: 30 maggio 1974
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 565 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: Centro di custodia cautelare
Frase: pena sotto forma di 8 anni di reclusione con servizio in una colonia penale di regime generale, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Detention Center No.1 for Primorye Territory
Indirizzo per la corrispondenza: Barmakin Dmitriy Viktorovich, 1974 born, Detention Center No.1 for Primorye Territory, Partizansky prospekt, 28 B, Vladivostok, Primorye Territory, 690106

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Dmitry Barmakin è nato nel 1974 sulla costa del Mar Nero, ad Alushta (Crimea). All'età di 10 anni ha perso la madre e il padre ha cresciuto il figlio da solo. Fin dall'infanzia era curioso, nuotava bene e amava leggere. In terza media ho comprato una Bibbia con i soldi che guadagnavo durante le vacanze. La praticità del consiglio biblico convinse Dmitrij che ci si poteva fidare di questo antico libro.

Dopo essersi diplomato in una scuola professionale, Dmitry ha conseguito il diploma di cuoco. In seguito si è diplomato ai corsi di programmazione a Kaliningrad e ha lavorato come programmatore e operatore CNC. L'azienda si è affermata come un dipendente responsabile e onesto, una persona sempre pronta ad aiutare.

Dmitry ha incontrato sua moglie Elena a Bakhchisarai nel 2003. E tre anni dopo essersi conosciuti, si sono sposati. Insieme si presero cura del padre malato di Dmitrij per diversi anni, fino alla sua morte. Nel 2017, la famiglia si è trasferita a Vladivostok per aiutare i genitori e la nonna di Yelena. Elena ha un lavoro creativo, è una fotografa. Anche la passione di Dmitry per la fotografia è stata trasmessa. Inoltre, crea con successo programmi per computer. La coppia ama viaggiare, insieme hanno girato la Crimea, l'Estremo Oriente, fotografando il mare, la natura, gli animali. Hanno molti amici leali e buone conoscenze, che hanno acquisito nel corso degli anni di vita coniugale.

Dal 28 luglio 2018, Dmitriy ed Elena sono stati separati – Dmitriy è stato arrestato con l'accusa di professare la sua fede, che è essenzialmente garantita dalla Costituzione a ogni persona in Russia. La moglie sta vivendo dolorosamente la separazione dal suo amato marito. E per i parenti di Elena, l'arresto di Dmitry è una vera tragedia, perché i coniugi hanno fornito assistenza fisica a molti di loro, compresa la nonna di 93 anni. Non riescono a capire perché una persona onesta e rispettabile sia finita dietro le sbarre.

Breve storia del caso

Dmitry Barmakin è venuto a Vladivostok dalla Crimea per prendersi cura della suocera malata e della madre anziana. Nel luglio 2018, le forze dell’ordine con maschere e armi hanno fatto irruzione nella loro casa con una perquisizione. Dmitriy è stato arrestato e ha trascorso un anno e mezzo in prigione. Il giudice ha rinviato il procedimento penale al pubblico ministero a causa dell’ambiguità delle accuse. Nell’aprile 2021, il caso è andato di nuovo in tribunale e, 7 mesi dopo, il giudice Stanislav Salnikov ha assolto completamente Dmitry Barmakin. Nell’aprile 2022, il tribunale regionale ha ribaltato questo verdetto e ha rinviato il caso a un nuovo processo. Di conseguenza, il credente è stato condannato a 8 anni di carcere. Nell’agosto 2023, un appello ha ribaltato anche questo verdetto, ha rilasciato Barmakin e ha rinviato il caso per un terzo processo al tribunale di primo grado. Questa decisione è stata impugnata dal pubblico ministero, e la cassazione ha rinviato il caso a una diversa composizione della corte d’appello, che ha confermato la condanna di colpevolezza: 8 anni in una colonia penale.