Vladimir Atryakhin, Georgiy Nikulin ed Elena Nikulina, Alexander Shevchuk, Alexander Korolev e Denis Antonov sono presenti all’udienza davanti alla Corte di Cassazione in videoconferenza. Ottobre 2023

Verdetti ingiusti

La Corte di Cassazione ha confermato il verdetto contro sei credenti di Saransk. Uno di questi uscirà a novembre

Mordovia,   Regione di Saratov

Il 17 ottobre 2023, la Prima Corte di Cassazione di Saratov ha confermato il verdetto contro sei credenti della Mordovia. Per decisione del tribunale, sono stati mandati in colonie penali per periodi che vanno dai 2 ai 6 anni.

Vladimir Atryakhin, Georgiy Nikulin e Yelena Nikulina, Aleksandr Shevchuk, Aleksandr Korolev e Denis Antonov sono stati accusati di estremismo e imprigionati per attività religiose pacifiche. Aleksandr Shevchuk dovrebbe essere rilasciato dal carcere nel novembre di quest'anno dopo aver scontato completamente la sua pena. Un procedimento penale è stato avviato anche contro suo fratello Mikhail con accuse simili.

La comunità mondiale esprime sconcerto in relazione alla persecuzione dei testimoni di Geova in Russia. Già nel 2019, l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani si era appellato alle autorità russe: "Chiediamo al governo russo di rivedere la legge sul contrasto alle attività estremiste [...]. Chiediamo inoltre alle autorità di ritirare le accuse e di rilasciare tutti coloro che sono detenuti per aver esercitato i loro diritti alla libertà di religione".

Il caso di Shevchuk e altri a Saransk

Breve storia del caso
Nel febbraio 2019, a Saransk, l’FSB ha aperto un procedimento penale contro tre credenti per sospetto di estremismo. Dopo le perquisizioni di massa, Vladimir Atryakhin, padre di due bambini piccoli, così come Alexander Shevchuk e Georgy Nikulin sono finiti in un centro di detenzione preventiva, dove hanno trascorso dai 2 ai 5 mesi. Successivamente, altri 3 imputati sono apparsi nel caso: Alexander Korolev, Elena Nikulina e Denis Antonov. Il caso è andato in tribunale nel maggio 2021. La difesa è riuscita a dimostrare più volte alla corte che il testimone declassificato Vlasov stava dando una falsa testimonianza. Nell’agosto 2022, i credenti sono stati condannati: Vladimir Atryakhin è stato condannato a 6 anni, Georgy e Yelena Nikulin a 4 anni e 2 mesi ciascuno, e Aleksandr Shevchuk, Aleksandr Korolev e Denis Antonov a 2 anni di carcere. L’appello ha confermato il verdetto. Nel novembre 2023, Aleksandr Shevchuk è stato rilasciato dalla colonia.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Mordovia
Insediamento:
Saransk
Sospettato di:
secondo l'indagine, essi "hanno diffuso l'ideologia e la fede tra i cittadini della Repubblica di Mordovia... conducendo conversazioni con i cittadini di Saransk e di altri centri abitati", che viene interpretato come "organizzazione dell'attività di un'organizzazione estremista" (con riferimento alla decisione della Corte Suprema russa sulla liquidazione di tutte le 396 organizzazioni registrate dei Testimoni di Geova)
Caso giudiziario nr.:
11907890001000003
Inizio caso:
4 febbraio 2019
Stato attuale del caso:
Il verdetto è entrato in vigore
Inquirente:
Dipartimento investigativo della direzione dell'FSB della Russia per la Repubblica di Mordovia
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (2), 282.2 (1), 282.2 (1.1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-13/2022 (1-216/2021)
Tribunale:
Ленинский районный суд г. Саранска
Giudice del Tribunale di primo grado:
Елена Симонова
Sfondo