Il caso di Bushev a Chelyabinsk

Breve storia del caso

Una sera di settembre del 2022, Yevgeny Bushev di Chelyabinsk era in visita da un amico quando le forze di sicurezza lo hanno perquisito. Come si è scoperto, il Comitato investigativo sospettava Yevgeny di partecipare ad attività estremiste, è stato aperto un procedimento penale contro di lui. Il credente fu portato a casa per una perquisizione, e il giorno dopo gli fu ordinato di non lasciare il luogo. Secondo l’investigatore Aleksandr Chepenko, Evgenij è colpevole di estremismo perché assisteva alle funzioni dei testimoni di Geova e parlava della Bibbia con la gente. La testimonianza contro il credente fu resa da un impiegato della Guardia Nazionale, che finse interesse per la Bibbia. Nell’agosto 2023, il tribunale ha accettato il materiale del caso per l’esame e solo due mesi dopo ha condannato il credente a 7 anni di reclusione reale.

  • #
    24 agosto 2022 Caso avviato

    Alexander Chepenko, investigatore per casi particolarmente importanti del Dipartimento investigativo del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Chelyabinsk, avvia un procedimento penale contro Yevgeny Bushev ai sensi della Parte 2. Articolo 282.2 del codice penale della Federazione Russa.

    Il credente è sospettato di "prendere parte alle attività di un'associazione religiosa ... sotto forma di partecipazione a riunioni religiose e riunioni di un'organizzazione estremista, conduzione di conversazioni con i residenti di Chelyabinsk, dimostrazioni e visione di video educativi".

  • #
    8 settembre 2022 Ricerca

    Yevgeny Bushev è in visita da un amico quando si rivolgono a lui per una perquisizione. Evgenij viene portato a casa, dove dalle 22:00 alle 23:40 si svolge una perquisizione. Le forze di sicurezza hanno sequestrato diverse Bibbie, materiale informatico, supporti elettronici e documenti personali.

  • #
    9 settembre 2022 Accordo di riconoscimento

    L'investigatore Chepenko prende atto di Yevgeniy di non andarsene.

  • #
    24 agosto 2023 Il caso è andato in tribunale

    Il caso passa al tribunale distrettuale Kalininsky di Chelyabinsk. Sarà esaminato dal giudice Anton Erofeev. La prima udienza è fissata per il 20 settembre.

  • #
    20 settembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Alla prima udienza vengono annunciati l'accusa e l'atteggiamento dell'imputato nei suoi confronti.

    Il pubblico ministero legge una trascrizione delle registrazioni audio delle conversazioni tra l'imputato e l'informatore, nonché la corrispondenza nel messaggero. Nel suo discorso, Bushev fa riferimento alla Costituzione della Federazione Russa, al Codice Penale della Federazione Russa e alle decisioni della CEDU, giustificando la legalità delle sue azioni.

  • #
    26 settembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    La corte ascolta la testimonianza di Manturov, un agente del Centro "E", così come di Denis Polikarpov, un impiegato della Guardia Nazionale, che ha mostrato interesse per la Bibbia. Polikarpov racconta alla corte come si è infiltrato tra i ranghi dei credenti e quali metodi di registrazione audio e video ha usato. L'accusa legge le trascrizioni dei suoi appunti.

  • #
    10 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    24 delle 25 persone che sono venute a sostenere il credente sono ammesse nella sala.

    Il giudice non impedisce a Bushev di esercitare il diritto di non testimoniare contro se stesso e i suoi parenti durante la sua testimonianza. Si interessa anche di come dare la giusta enfasi al nome Geova.

    L'imputato parla della sua fede. Si oppone anche alla competenza linguistica. Secondo Bushev, la conclusione che egli abbia persuaso l'informatore di Polikarpov ad accettare la sua fede si basa su frasi estrapolate dal contesto.

  • #
    25 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Il pubblico ministero ha chiesto la punizione Argomenti conclusivi per la difesa

    Yevgeny Bushev legge i suoi appunti scritti e chiede al pubblico ministero e alla corte di trovare nel fascicolo del caso e annunciare le sue parole sulla richiesta di rovesciamento dell'ordine costituzionale, sull'incitamento all'odio o sulla distruzione delle famiglie - non c'è nulla di simile tra le "prove" della colpevolezza di Bushev.

    L'organo giurisdizionale procede all'esame delle memorie delle parti. Il pubblico ministero richiama l'attenzione sui risultati di un esame psicolinguistico religioso che, a suo avviso, dimostra la colpevolezza di Evgenij nella creazione e nella continuazione delle attività di un'organizzazione estremista. L'imputato si oppone, osservando che il suo nome non è stato indicato in nessuno dei documenti legali a disposizione delle forze dell'ordine.

    Il pubblico ministero chiede una punizione per il credente sotto forma di 6 anni in una colonia a regime generale. L'accusa ripete più di una volta, anche al pubblico in sala, informazioni errate secondo cui l'organizzazione religiosa "Testimoni di Geova" è bandita sul territorio della Federazione Russa.

    L'avvocato, intervenendo nel dibattito, sottolinea che la decisione della Corte Suprema del 20 aprile 2017 riguarda solo la liquidazione delle associazioni legali e che la confessione stessa non è vietata, e i credenti hanno il diritto di esercitare il diritto alla libertà di religione, garantito dall'articolo 28 della Costituzione della Federazione Russa. La difesa chiede di dichiarare Bushev innocente.

  • #
    3 novembre 2023 In aula Dichiarazione finale Sentenza di primo grado

    Evgeny Bushev fa la sua dichiarazione finale. Ci sono circa 15 ascoltatori in sala.

  • #
    7 novembre 2023 Art. 282.2 (2) Sentenza di primo grado Studi di esperti con violazioni Privazione della libertà
  • #
    8 novembre 2023 Centro di detenzione

    Si scopre che Yevgeny Bushev si trova nel centro di detenzione preventiva n. 1 a Chelyabinsk. Sa scrivere lettere.

  • #
    1 dicembre 2023 Centro di detenzione

    Il credente è stato trattenuto in un centro di detenzione preventiva per circa un mese in attesa di un appello. Ha buoni rapporti con l'amministrazione della colonia e con i suoi compagni di cella. Si allena regolarmente. Bushev ha una Bibbia. Due volte alla settimana gli vengono consegnate delle lettere, che legge con piacere.